Elettromedicali

I Clienti

A seguito dell'entrata in vigore del Dlgs 151/2005 in materia di RAEE, TREEE è stata coinvolta da molteplici produttori e importatori di apparecchiature elettromedicali sia nazionali sia internazionali, obbligate a far data dal 2007 a gestire correttamente le esternalità generate dalla vendita dei propri prodotti. 

L'esigenza

I produttori e gli importatori di apparecchiature elettromedicali si sono trovati a dover gestire in prima persona e a proprie spese il fine vita delle apparecchiature obsolete in uso presso i propri clienti (Ospedali, Cliniche, ASL ecc.) che sarebbero state sostituite dai loro nuovi prodotti. A questo punto quindi il Produttore della nuova AEE avrebbe dovuto pianificare per intero servizi molto complessi (lontani dal proprio core-business) e creare una rete di imprese che, ciascuna per la propria specifica professionalità, si occupassero di tutte le diverse fasi e attività derivanti dall'obbligo di ritirare e smaltire correttamente il rifiuto.

La soluzione

TREEE, forte del proprio know-how gestionale, informatico e legale e dotata di una rete di partner operativi d'eccellenza in grado di gestire tutta la filiera della reverse logistics dei rifiuti elettromedicali, ha messo a disposizione dei propri clienti Produttori di AEE una soluzione “chiavi in mano” comprensiva di tutte le diverse fasi del processo di ritiro e distruzione dei beni obsoleti. TREEE infatti è in grado di intervenire efficacemente (durante tutto l'arco dell'anno e anche in orari notturni) all'interno delle strutture ospedaliere (pubbliche, private, di grandi dimensioni o piccolissime) operando la completa disinstallazione e smontaggio delle apparecchiature obsolete nel rispetto di tutte le normative in materia di sicurezza sul lavoro e rischi interferenziali (Dlgs 81/2008). Le apparecchiature così smontate e messe in sicurezza vengono movimentate da personale specializzato che, dopo averle caricate su mezzi specificamente attrezzati, li conferiscono in impianti di trattamento altamente specializzati nel trattamento di queste tipologie di rifiuti. Qui il rifiuto viene trattato secondo le BAT di settore e avviato al recupero in percentuali prossime al 98% del suo peso. A chiusura del processo TREEE rilascia tutta la documentazione utile sia al Produttore di AEE (per attestare l'avvenuto adempimento degli obblighi di cui al Dlgs 151/2005 e Dlgs 49/2014) che all'Ente presso il quale l'apparecchiatura obsoleta era in uso (distruzione fiscale, cancellazione dei cespiti ecc.). La stessa documentazione e la tracciabilità di tutte le operazioni è accessibile nell'area riservata del nostro portale.

I risultati

I risultati raggiunti da TREEE in termini di efficacia del servizio e di customer-satisfaction sono tali per cui spesso gli stessi Enti ospedalieri pubblici e privati presso i quali siamo intervenuti in disinstallazioni ci richiedono a loro volta (stipulando direttamente un contratto con TREEE) ulteriori servizi per la gestione dei rifiuti speciali prodotti dall'Ente stesso, sia elettromedicali che di altro tipo.


Pannelli fotovoltaici

I Clienti

TREEE collabora da anni a vari livelli con tutti i principali stake holder del settore: produttori di pannelli, fondi di investimento, gestori dei campi fotovoltaici, manutentori degli stessi e Sistemi Collettivi. La diversità di approcci e competenze di questi soggetti non impedisce a TREEE di intervenire efficacemente in tutte le fasi della catena del valore legata a questa peculiare tipologia di rifiuti i quali, benchè da poco divenuti ufficialmente RAEE, comportano una gestione operativa ed amministrativa peculiari.

L'esigenza

Al di là delle evidenti differenze di interessi, produttori di pannelli, fondi di investimento, gestori dei campi fotovoltaici, manutentori degli stessi e Sistemi Collettivi si trovano a dover disinstallare diverse tipologie di pannelli (a film sottile, mono e policristallini ecc.) che divengono poi rifiuti sia pericolosi che non pericolosi a seconda delle sostanza in essi contenute (ad esempio il Telloruro di Cadmio) e che variano in numero dalle poche unità fino ai grandissimi parchi da diverse migliaia di pezzi, senza contare che possono trovarsi in condizioni di conservazione più o meno critiche.

La soluzione

TREEE, mette a disposizione dei propri Clienti un ampio ventaglio di soluzioni operative che vanno dal singolo intervento presso magazzini di logistica per il ritiro di un bancale con pochi pezzi, fino alla disinstallazione on site e ritiro di campi completi situati spesso in aree disagevoli, sterrate e non raggiungibili dai normali automezzi: in questi casi TREEE utilizza mezzi speciali autorizzati (Bob-cat, navette intermedie ec.) che consentono di raggiungere l’obiettivo autonomamente senza l’intervento di altri operatori terzi. Inoltre, alla parte operativa e logistica, si aggiunge tutta la gestione degli obblighi documentali derivanti dal GSE che comportano la compilazione, oltre che dei formulari previsti dalla normativa sui rifiuti, anche di numerosi e complessi documenti accompagnatori estremamente dettagliati.

I risultati

L’efficacia del processo studiato e realizzato da TREEE consente ai propri Clienti di raggiungere la compliance non solo in relazione alle normative ambientali ma anche e soprattutto a quelle che regolano gli aspetti economici di incentivazione.

 

Rifiuti da manutenzione

I Clienti

TREEE collabora da tempo con alcuni top-player del settore della logistica integrata per i quali elabora soluzioni ad altro valore aggiunto volti all'ottimizzazione, all'interno della Supply-Chain, della gestione dei rifiuti speciali. All'interno di questa collaborazione è stato sviluppato un servizio ad hoc per le aziende produttrici di macchine industriali e macchinari anche complessi e di grandi dimensioni (muletti, transpallet, ecc.), che come servizio di post-vendita si occupano della manutenzione dei propri prodotti sia in-house che presso la sede dei propri clienti.

L'esigenza

Le attività di manutenzione in loco (presso la propria sede o presso quella dei propri clienti) di macchinari quali muletti, transpallet ecc. generano una cospicua quantità di rifiuti speciali spesso pericolosi e di difficile movimentazione; questi rifiuti poi, nel caso di attività presso i clienti, sono ancora più difficili da gestire perchè ai sensi dell'articolo 266 del Dlgs 152/2006 si considerano prodotti dal manutentore stesso. Nel caso di grandi clienti che mettono a disposizione del manutentore una officina fissa all'interno delle proprie aree, si rende necessario per il manutentore svuotare frequentemente tali spazi riducendo ed eliminando qualsiasi tipo di interferenza con le attività del cliente stesso. Quando invece il cliente non mette a disposizione tali aree, il tecnico che effettua la manutenzione si trova a dover caricare i rifiuti sul proprio furgone, spostando di fatto il problema (carenza di spazio e necessità di smaltimento urgente del rifiuto senza danni o sversamenti) senza risolverlo.

La soluzione

TREEE, è in grado di intervenire con efficacia su tutti i fronti, supportando il manutentore nelle risoluzione delle diverse tipologie di problema cui la sua attività di produttore del rifiuto lo espone. Infatti TREEE è strutturata per effettuare il trasporto e lo smaltimento di tutte le tipologie di rifiuto derivanti da queste attività (olii, stracci, bombolette spray, acque di lavaggio, elettroliti ecc.) sia ritirandoli presso la sede del manutentore stesso sia nel caso in cui l'officina sia presente presso il cliente. Propedeutico a questa attività vi è ovviamente l'analisi chimica delle diverse tipologie di rifiuto da gestire, lo studio del processo e dei flussi e soprattutto la consegna di idonee unità di carico (fusti, ceste, tanichette ecc.) funzionali prima ad un corretto deposito temporaneo e poi ad un più agevole trasporto verso l'impianto di trattamento. Fiore all'occhiello per TREEE è tuttavia il servizio di ritiro dei rifiuti presso il domicilio del tecnico, ideale tutte quelle volte in cui non si ha a disposizione un'area presso il cliente oppure quando non è possibile o non si vuole che il tecnico rientri in sede. Infatti, questo servizio ha il duplice vantaggio di liberarlo dall'incombenza fisica e normativa del rifiuto sul furgone e di svincolarlo dall'obbligo periodico di conferire i rifiuti nella propria sede.

I risultati

Attraverso i servizi di ritiro offerti da TREEE, i nostri Clienti manutentori possono ottimizzare e razionalizzare la produzione dei rifiuti sia presso la propria sede che presso le aree messe a disposizione dai loro clienti; inoltre con il ritiro presso il domicilio dei tecnici, vengono risolti sia il problema dello spazio a bordo del furgone (non più occupato a lungo dalle unità di carico dedicate ai rifiuti) sia quello di limitare il più possibile il rientro dei tecnici in sede; con il massimo vantaggio nel caso dei tecnici residenti in zone molto distanti dalla sede del nostro Cliente.


Imballaggi

I Clienti

Aziende produttrici, di manutenzione, logistiche: tutte queste tipologie di aziende, che vendono i propri prodotti e servizi più o meno complessi su larga scala, si trovano a produrre grandi quantitativi di rifiuti. Tra questi ve ne sono alcuni che per le proprie caratteristiche intrinseche non possono essere più riutilizzati nella produzione e che quindi, per legge, devono essere gestiti come rifiuti. I più frequenti tra questi ultimi sono i rifiuti di imballaggi (plastica, carta, cartone, vetro, alluminio, acciaio, legno, ecc.).

L'esigenza

Molte aziende generano una quantità importante di rifiuti da imballaggio e si trovano così a dover dedicare spazio, tempo e risorse per il loro deposito temporaneo e per la corretta suddivisione delle diverse tipologie. Inoltre la gestione standard di questi rifiuti, normalmente effettuata dalle aziendemunicipalizzate a fronte del pagamento della tassa sui rifiuti, oltre ad essere spesso molto onerosa e qualitativamente scarsa (ritardi, passaggi a vuoto, incomprensioni varie) non può mai essere organizzata in base alle reali necessità lavorative ed operative del produttore del rifiuto e diventa quindi una fase asincrona rispetto al resto della Supply-chain.

La soluzione

TREEE comprende appieno la necessità di integrare la gestione di questi rifiuti nelle normali attività dell'officina o del magazzino di una azienda. Per questo, come primo step, TREEE effettua una analisi approfondita dei costi relativi alla gestione dei rifiuti tramite municipalizzata, passando poi allo studio dei flussi produttivi che portano alla generazione dei rifiuti da imballaggio; successivamente, in completo accordo con la volontà e le esigenze del Cliente, subentra alla gestione “pubblica” e organizza il nuovo processo di gestione comprensivo della scelta delle unità di carico più adatte alle esigenze di spazio e di impiego di risorse dedicate (cassoni scarrabili, ceste, presse, compattatori ecc.); in fine pianifica e organizza la periodicità dei ritiri in modo da ottimizzare i carichi. Di sicuro vantaggio rispetto alla gestione con le aziende municipalizzate, vi è il fatto che la scelta della accuratezza nella separazione delle tipologie degli imballi viene fatto concordemente con il Cliente, senza preclusioni o vincoli, con l'obiettivo dicontemperare in ogni caso costi (mano d'opera per la separazione prima del carico) e benefici (valorizzazione del rifiuto “pulito” e omogeneo).

I risultati

Questa gestione assolutamente custom fit degli imballi fa sì che ogni diversa tipologia di azienda trovi la migliore soluzione alle proprie necessità. Ad esempio TREEE mette in condizione l'azienda particolarmente attenta ai costi di poter autonomamente selezionare e separare in maniera spinta i propri imballi; di pressarli nelle apposite macchine fornite in dotazione e di far ritirare carichi ottimizzati di rifiuti: così facendo spesso il rifiuto può essere valorizzato e pertanto la sua corretta gestione può diventare addirittura una nuova fonte di ricavo. Al contrario, il Cliente che per esigenze di spazio, tempo e risorse non avesse la possibilità di spingersi così avanti nella separazione dei diversi materiali, può allo stesso modo contare su un efficace network di ritiro e trattamento che provvede a sollevarlo da una serie di attività non core per il proprio business.